Come proteggere lo schermo di smartphone e tablet

Come proteggere lo schermo di smartphone e tablet

Chi di noi non si è mai lamentato di quanto lo schermo del nostro smartphone sia soggetto a raschi ed impronte tanto da rendere le immagini poco nitide ed offuscate?

A questo problema ci viene incontro la nanotecnologia e grazie agli studi fatti per risolvere queste situazioni sono usciti in commercio dei prodotti liquidi che una volta utilizzati garantiscono per un lungo periodo di tempo la protezione dello schermo.

L’uso di queste applicazioni, invisibili all’occhio umano, creano strofinando sullo schermo un rivestimento liquido che non causa in alcun modo un ulteriore strato che potrebbe andare a compromettere la visibilità delle immagini perchè è formato da piccole nanoparticelle al titanio che godono di numerose proprietà antibatteriche, inoltre garantiscono una fase di protezione lunga 12 mesi durante la quale il liquido protettivo lentamente svanisce al termine del quale è necessario riapplicarlo per poter nuovamente usufruire dei suoi vantaggi come il rischio di graffi dovuti all’inavvertito strofinamento di chiavi e monete o evitando quelle fastidiosissime impronte delle dita perchè rendono la superficie liscia e pulita.

Esistono in commercio diversi liquidi protettivi alcuni sono composti da sostanze infiammabili perchè prodotte a base di etanolo altre invece sono decisamente più sicure perchè completamente organiche in quanto sono composte di acqua e minerali naturali.

E’ molto semplice da applicare, solitamente viene utilizzato un piccolo panno in dotazione sul quale viene versato un primo prodotto che serve per pulire bene lo schermo subito dopo viene applicato spalmando sul display il liquido protettivo utilizzabile su smartphone o tablet e dopo 4/5 minuti a seconda delle disposizioni della casa produttrice ripassare nuovamente il panno asciutto.

Vi renderete conto con vero stupore di aver reso lo schermo del vostro smartphone repellente all’umidità e all’acqua, inalterabile ad acidi e alcalini, resistente a graffi ed abrasioni, ricordate però di fare molta attenzione a non utilizzarli sia su superfici in plastica che in metallo perchè sono controindicati.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*